L'EQUIVOCO

Incontri di due solitudini
dove la bramosia dell'immaginario è più forte dell'esubero ormonale
Fusionale scarico di tensione,
rapida via di fuga con impasse isterico- emotive.
Scambi di tenera e annoiata abitudine, dove l'illusoria compensazione
non può che creare altri vuoti.

Il farsi far l'amore dall'amore presuppone un “tutto pieno”
e poco importa che ci sia o no l'illusione di una proiezione romantica
E' l'incontro di corpi vestiti dello spazio che denuda il cuore,
che rivela il tocco prima del contatto.

Inghiottiti di presenza,
vibrazioni, suoni e sapori rivelano quel che, non è più, altro da sé:
La porta d'accesso alla sola unione spasimata
quella con la vita inesprimibile.
/