SERVITORI

Nacquero nella notte che li porto’ via

esultanti trasparenze dello sguardo dove la vastità permane all'oblazione dei sensi

La dimora del profondo non appartiene alle brame del tempo
e i servitori muti bevvero dalle viscere del sogno l’estasi della morte

/